Le microemulsioni
Sono l’ultima generazione di prodotti tricologici che andranno a sostituire, nell’uso corrente, gli shampoo ed olio-shampoo, oramai superati poichè appartenenti ad un vecchio concetto di detergenza.

Le Microemulsioni avendo una struttura particolare effettuano, secondo le necessità, prima un trattamento specifico sul cuoio capelluto dove nasce il problema e poi intervengono sul capello come conseguenza finale, effettuando col risciacquo una detersione fisiologica, delicata e rivitalizzante. In sintesi si può affermare che le Microemulsioni, come ultima generazione di prodotti tricologici, sono state realizzate per venire incontro in maniera corretta al problema dei capelli, intervenendo in contemporanea sia sulla causa che sull’effetto.

Che cos’è una microemulsione?
La microemulsione è una microstruttura originale in cui il diametro delle particelle è in media di circa 20 nm (nanometri) e si colloca generalmente entro un intervallo di diametro tra i 10 e i 200 nm. Questa misura è più piccola del quarto della lunghezza d’onda della luce, perciò la luce passa attraverso questi sistemi senza essere difratta. Questo spiega perchè le microemulsioni sono trasparenti, isotrope e si comportano come un liquido Newtoniano. Sono stabili nel tempo e insensibili alle variazioni di temperatura. Scaldate o raffreddate rapidamente le microemulsioni ritornano sempre alla loro struttura d’origine. Questa stabilità termodinamica le differenzia dalle emulsioni classiche che si possono separare nelle due fasi nel corso del tempo. Inoltre, questa caratteristica permette di ottenere un sistema olio/acqua stabile con alte concentrazioni in attivi, che ripartendosi in modo omogeneo producono un assorbimento specifico a livello cutaneo. Le microemulsioni sono assorbite rapidamente per semplice massaggio, questa proprietà è fondamentale, poichè le differenzia da tutte le altre forme cosmetiche (creme, gel, liquidi, spray) proprio per la velocità di veicolare i principi attivi attraverso la cute. Da studi condotti in vivo è stato inoltre evidenziato che le microemulsioni assicurano un effetto ritardo di 24 ore rispetto a quello delle emulsioni classiche che dura 2 ore. Questo vuol dire che per un tempo sufficientemente lungo, in loco è presente attività.

Composizione della microemulsione
Le microemulsioni sono generalmente sistemi fluidi a quattro componenti, costituiti da una fase acquosa, una fase oleosa, un surfactante ed un cosurfactante. Il sistema che ne risulta è formato da microgocce costituite da un cuore oleoso o acquoso circondato da un film misto di surfactante e cosurfactante che si alternano.

Le microemulsioni costituiscono un sistema dinamico a formazione spontanea in seno al quale le molecole di surfactante e cosurfactante sono in continuo movimento.